• I monumenti religiosi

    Chiese di GaetaGaeta è una città ricca di Storia.. storia che si manifesta attraverso le innumerevoli opere dell’ingegno che caratterizzano la città
    Tra le Architetture religiose di spicco annoveriamo:

    Cattedrale dei Santi Erasmo e Marciano

    Fu edificata nel X-XI secolo su di una preesistente chiesa dedicata a Santa Maria del Parco del VII secolo, consacrata da papa Pasquale II nel 1106. Dopo il disastroso terremoto del 1231, fu ricostruita in sette navate, per poi esser restaurata in stile neoclassico da Pietro Paolo Ferrara. La facciata neogotica del 1903 si affaccia sull’angusta via del Duomo.  Dietro la chiesa, dove c’era l’entrata della prima chiesa, si trova ilCampanile. Si tratta del vero gioiello della cattedrale risalente al XII secolo che non ha subito modifiche nel corso degli anni a differenza del resto del complesso. Il Campanile di Gaeta, insieme a quello di Amalfi con cui ha notevoli analogie, rappresenta un eccellente esempio di arte medievale dell’Italia centro meridionale.

    Chiesa/Tempio di San Francesco

    Fu edificato per la prima volta nel 1222 dallo stesso San Francesco d’Assisi nel luogo dove dimorava quando veniva ad evangelizzare i gaetani. L’attuale struttura in stile neo-gotico è opera delle donazioni di due grandi monarchi, re Carlo II d’Angiò e re Ferdinando II di Borbone, e del genio di Giacomo Guarinelli. Il sagrato è preceduto da una grande scalinata, al centro della quale si trova la statua della Religione con in mano la croce. La slanciata facciata neogotica ha un bel portale strombato ed un grande rosone. L’interno a tre navate, dominato dal colore giallo dei muri, è illuminato da grandi bifore con vetrate policrome. Nell’abside poligonale, dominata dalla statua del Redentore, si trova l’altar maggiore in stile neogotico. Dinnanzi alla chiesa si trova l’enorme scalinata coeva con al centro la statua della Religione. La visita della chiesa di S. Francesco, rivisitata e ristrutturata di recente è molto consigliata.

    Santuario della Santissima Annunziata

    Fondato nel 1320, la sua realizzazione ha inizio il 2 maggio 1321, ed è stato consacrato nel 1352 come chiesa dello Stabilimento della S.S. Annunziata, destinato ad assistere i poveri, gli ammalati e i bambini abbandonati, affidati alle cure delle suore attraverso una ruota girevole. Conserva decine di codici molto preziosi di musica sacra scritti a mano dai monaci amanuensi.
    Dal’abside si raggiunge la Cappella dell’Immacolata Concezione o “Grotta d’Oro”, detta così perché ha la volta a botte costituita da cassettoni di legno intagliati e dorati, che ha alle pareti 19 tele raffiguranti scene della vita di Gesù e della Madonna, opere di Criscuolo, lo stesso che ha fatto i santi del polittico fondale insieme a Scipione Pulzone che si è occupato dell’Immacolata, che si trova al centro di esso.

    Chiesa di Maria SS. di Porto Salvo (detta “degli Scalzi”)

    Fu edificata nel XV secolo dai pescatori del Borgo in devozione alla Madonna. Poi, nel corso del Settecento, vi fu costruito a fianco un convento di frati Agostiniani Scalzi. L’esterno, molto semplice, lascia intuire le strutture della chiesa con le volte a crociera ed i due grandi finestroni dell’abside e della facciata. L’interno simile a quello della chiesa dell’Annunziata, ha un altare marmoreo policromo del Lazzari.

    Santuario della SS. Trinità (detto anche “Santuario della Montagna Spaccata”)
    Fu edificato nell’XI secolo, sorge su una fenditura nella roccia che giunge fin nella Grotta del Turco, creatasi, secondo la leggenda, al tempo della morte di Cristo, quando si squarciò il velo del tempio di Gerusalemme. Lungo la scalinata che porta nelle viscere della montagna, lungo la stretta spaccatura di roccia, è possibile notare sulla parete di destra un distico latino con a fianco la cosiddetta “Mano del Turco”, la forma di una mano (le cinque dita nella roccia) che, secondo la leggenda, si sarebbe formata nel momento in cui un “miscredente” marinaio turco, che non credeva, cioè, alla storia che gli era stata raccontata sulla causa della spaccatura nella roccia, si era appoggiato alla roccia che miracolosamente divenne morbida sotto la sua pressione formando l’impronta della mano.

    Hai già pensato di condividere questa pagina?
    Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

    Questo post è disponibile anche in: Inglese, Francese, Tedesco, Spagnolo

Commenti chiusi.